.

.

26 giugno 2015

IL GIOIELLO NASCOSTO DEL GRAND CANYON: HAVASU FALLS

Le cascate Havasu sono conosciute in tutto il mondo per la loro bellezza e, fra le cose da vedere al Grand Canyon, rappresentano una delle tappe più affascinanti: si tratta infatti di una sorta di anfiteatro naturale scavato in scogliere di roccia rossa tipiche dei grandi canyon dell’ovest americano, su cui però la presenza di cascate e piscine naturali dall’acqua color turchese forma un contrasto di colori unico e meraviglioso, non troverete mai un altro posto così!


Facendo un giro per il Grand Canyon, le foto delle affascinanti acque color smeraldo delle Havasu Falls spiccano un po’ ovunque, dalle cartoline ai libri fotografici e ai calendari. Eppure, sembra strano, di tutti i milioni di turisti che affollano ogni anno la grande gola dell’Arizona solo una piccolissima percentuale ha mai visto queste misteriose cascate. Perché? 


Beh, innanzitutto perché le Havasu Falls si trovano dentro Havasu Canyon, nella Riserva Indiana Havasupai, un territorio controllato dall’omonima tribù indiana, e quindi fuori dalla giurisdizione del Grand Canyon National Park; ma le ragioni sono anche altre:

  • Lontananza: come anche per il Grand Canyon West, quest’altra piccola perla nascosta si trova piuttosto lontano dal Grand Canyon (circa 4 ore dal punto di attracco dell’escursione).
  • Modalità di visita: le Havasu Falls non sono poi così semplici da raggiungere, per visitarle occorre un’attenta pianificazione ed essere disposti o a faticare un po’ per una bella camminata, oppure a spendere qualche soldino in più per arrivarci con maggiore comodità.

In ogni caso, organizzandosi bene, la visita è fattibile e vale decisamente la pena. Ecco come fare!


Come detto, scordatevi di arrivare alle Havasu Falls in macchina, il massimo che potete chiedere alla vostra auto è di approdare alla Hualapai Hilltop (punto d’attracco della camminata, a una quindicina di km di distanza), parcheggiare e poi decidere il da farsi. Se volete arrivare alle cascate a piedi sarà meglio dormire in zona, in modo partire al mattino presto (il caldo può essere devastante nelle ore di punta).

I centri urbani più vicini alla Hualapai Hilltop sono Peach Springs (un centinaio di km) e Seligman (144 km). 
Al punto d’attracco troverete solo un parcheggio, niente servizi, quindi per qualsiasi esigenza (benzina, cibo, acqua, bisogni impellenti!) organizzatevi prima di partire.

PRIMA DI PARTIRE E QUANDO ANDARE

L’ingresso alla riserva è a pagamento e così anche l’area di campeggio. Occorre prenotare con notevole anticipo, visto che il numero dei visitatori accettati è limitato. Se vi presentate senza aver prenotato, potreste dover pagare il doppio del prezzo. 

L'ente del Turismo ci tiene a precisaare che l’area di Havasu Canyon è un ambiente fragile e soggetto a inondazioni; alcune zone del canyon sono off-limits per i visitatori e in alcuni casi potrebbero verificarsi delle chiusure improvvise. La zona può essere visitata in tutti i momenti dell’anno, tuttavia il clima e l’afflusso turistico cambia molto a seconda delle stagioni. 


ESCURSIONE A PIEDI FAI DA TE

Ecco il modo più tradizionale e avventuroso per arrivare alle cascate. Il percorso è affascinante, ma piuttosto lungo, 10 miglia, ed è anche abbastanza impegnativo. Considerate un tempo di 4-7 ore a tratta. Vicino alle cascate potrete pernottare sia in un’area per il campeggio, sia in un albergo nel centro abitato di Supai(Havasupai Lodge), capoluogo della riserva indiana e mezz’ora di cammino dalle cascate.

Dal parcheggio il sentiero scende ripidamente attraverso una serie di tornanti scavati nella roccia. Dopo solo 1 miglio, sarete scesi di oltre 2000 piedi e vi ritroverete direttamente sul fondo del Hualapai Canyon. Il sentiero vi porterà poi a incunearvi fra le strette pareti rocciose del Canyon Havasu, dove incontrerete Havasu Creek, il fiume che dovrete seguire fedelmente per arrivare alle cascate. Prima di arrivare (a 30 minuti circa di distanza) incontrerete il villaggio di Supai, dove potrete rifocillarvi.

PREPARATEVI A DOVERE!

Lungo il tragitto, proprio come nei più tipici film western, vedrete spesso schiere di asini che trasportano bagagli o persone l’uno dopo l’altro. Mettetevi da una parte e fateli passare.
Procuratevi adeguate scorte di cibo e acqua. Fino a Supai non troverete alcun servizio.
L’equipaggiamento da trekking è d’obbligo!





Fonte: HAVASU FALLS